Ezralow Dance “apre” le scene al Ponchielli

“Cibo per Mente, Anima, Cuore, Corpo” , è lo slogan della programmazione teatrale del Teatro Ponchielli di Cremona, da gennaio a maggio 2022, in cui la danza, la musica, il teatro e l’opera si susseguono in un ricco ed assortito menù, in cartellone, per tutti i gusti e palati. Un invito accorato del Sovrintendente e Direttore Artistico, Andrea Cigni, per approcciarsi, condividere, incontrarsi attraverso i temi culturali ed artistici, ai percorsi di una stagione in divenire. Grandi interpreti, eventi, come l’Opera “A sweet silence in Cremona”, in prima mondiale, dedicata alla città, in collaborazione con il Center for Contemporary Opera di New York, che in autunno approderà in America, non mancheranno di stupire e ammaliare.

La Compagnia Ezralow Dance “apre”, e riscalda gli animi degli spettatori, in una ancor tiepida primavera marzolina. OPEN, il manifesto che Daniel insieme alla consorte Arabella Holzbog, dirige e scrive , è nuovamente in tournée in Italia, seguita dall’assistente alle coreografie, Santo Giuliano, talentuoso ballerino delle edizioni passate di AMICI.

Tutto d’un fiato, lo spettacolo della durata di 60 minuti, con ritmo incalzante, sempre in levare, è un susseguirsi di quadri d’insieme, passi a due, assolo, che si compenetrano perfettamente ai cambi di scena repentini, dati da quattro pannelli scorrevoli su cui prendono vita proiezioni tridimensionali al servizio dei ballerini e viceversa.La cifra stilistica d Ezralow, ha da sempre l’intento di usare il dinamismo, la plasticità la bellezza e duttilità dei corpi senza fermarsi sul tecnicismo assoluto, pur essendo versatili ed atletici i ballerini, per metterli al servizio dell’ironia, della riflessione sui temi proposti nella scrittura coreografica.

Ezralow, si avvale nel tempo, fin dal 2000, di due formazioni di danzatori fissi, composti da otto/nove ballerini italiani e/o americani, che ruota  a seconda delle produzioni teatrali o televisive, pronti alle esigenze di copione. Pertanto la flessibilità dei ballerini, li ha visti coinvolti in prestigiosi eventi nazionali ed internazionali, ospiti all’edizione del Festival di Sanremo 2020; nel programma televisivo Ricomincio da Rai3; l’apertura dei Giochi Olimpici invernali a Sochi nel 2014 e all’apertura dell’Expo a Dubai nel 2021.

È proprio la semplice, disarmante costruzione, degli argomenti affrontati nella stesura coreografica, ad essere percepita dal pubblico con immediatezza, intellegibile, senza fraintendimenti, con trasparenza e mente aperta “open”, nel portare una riflessione senza tempo, sui temi incalzanti ancor oggi, dell’ecologìa, dello stress, dei rapporti coniugali, della diversità di genere.

Un plauso speciale a tutti i ballerini: Mirko Aiello, Sofia Bartoli, Kevin Boyroo, Annamaria Ciccarelli, Filippo Di Crosta, Serena Pomer e ai debuttanti, Anthony Dezio e Michela Rosselli.

Torna su