DANTE FRA LE FIAMME E LE STELLE

TEATRO CARIGNANO

6 ottobre 2021, ore 21.00

Anteprima in forma di mise en espace per l’inaugurazione di

BIENNALE DEMOCRAZIA 2021

 

TEATRO STABILE DI TORINO – TEATRO NAZIONALE

Stagione 2021/2022

TEATRO GOBETTI

dal 7 al 24 ottobre 2021 – Prima nazionale

 

DANTE FRA LE FIAMME E LE STELLE

di e con Matthias Martelli

con la consulenza storico-scientifica di Alessandro Barbero
regia Emiliano Bronzino
al violoncello Lucia Sacerdoni
scenografia Francesco Fassone
costumi Monica Di Pasqua
musiche originali Matteo Castellan

luci e fonica Loris Spanu

assistente alla regia Ornella Matranga
Un particolare ringraziamento al Presidente dell’Accademia della Crusca, professor Claudio Marazzini

Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus / Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

 

Lo spettacolo dopo il debutto al Gobetti sarà proposto alla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani dal 26 novembre al 5 dicembre

 

Matthias Martelli, interprete di diverse produzioni con il TST e la Fondazione TRG, incontra per la prima volta il regista Emiliano Bronzino, neo direttore del TRG. In occasione del settecentesimo anniversario dalla morte lo spettacolo vuole raccontare il Dante uomo, attraverso le sue opere e le fonti storiche che ci sono arrivate.

Matthias Martelli, con il suo personale percorso di teatro “giullaresco”, è l’interprete migliore per avvicinare le nuove generazioni alla scoperta dell’opera e della vita di Dante. Mentre Emiliano Bronzino, che nella sua carriera ha affrontato temi scientifici e storici, è il regista ideale per provare a trovare la sintesi scenica tra Storia e Teatro.

Lo spettacolo ripercorre la vita di Dante, dall’infanzia all’esilio, dalla passione politica a quella amorosa, intrecciando gli eventi della sua esistenza con i versi della Vita Nova e della Divina Commedia, in una trama che mostra dietro la figura del poeta che ha inventato l’Italia: un uomo fragile e complesso, ricco di speranze e conflitti, profondamente diverso dalla figura che l’iconografia ci ha tramandato, capace di rendere eterne vicende personali e di sublimare la sua visione nei versi crudi e grotteschi dell’Inferno arrivando fino ai vertici eccelsi del Paradiso.

Il professor Alessandro Barbero, figura di rilievo della divulgazione storica, ha messo a disposizione le sue ricerche, dando al lavoro drammaturgico le fondamenta storico-scientifiche necessarie.

In questa stagione si rafforza la collaborazione con Biennale Democrazia, manifestazione culturale della Città realizzata dalla Fondazione per la Cultura di Torino dedicata alla diffusione dei valori democratici: lo spettacolo inaugurale della settima edizione della rassegna sarà infatti l’anteprima speciale, in forma di mise en espace, dello spettacolo “Dante fra le fiamme e le stelle”, che andrà in scena al Teatro Carignano nella serata di mercoledì 6 ottobre 2021.

Emiliano Bronzino nato a Torino nel 1974 è regista teatrale riconosciuto a livello nazionale e internazionale, è stato Direttore Artistico di Spazio KOR e dirige il festival AstiTeatro dal 2017. Ha partecipato alla organizzazione e realizzazione di diversi progetti nazionali e internazionali, collaborando con molti enti di eccellenza nazionale, tra cui il Piccolo Teatro di Milano, la Fondazione INDA, il Teatro di Roma, il Teatro Eliseo, la Fondazione TPE.

Attualmente è Direttore Artistico della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus dove è stato nominato a seguito di una selezione con evidenza pubblica nel giugno 2020.

Come regista dal 2002 collabora con l’INDA dove partecipa a diverse produzioni nella stagione del teatro Greco di Siracusa. Nel 2020 vince il Bando Ora! Della Fondazione Compagnia di San Paolo per il progetto Architettura della Disobbedienza e realizza con Francesco Fassone lo spettacolo in collaborazione con il dipartimento di Design del Politecnico di Milano. All’estero ha lavorato in Francia, Russia, Cina e soprattutto in Spagna dove ha firmato diverse regie per il teatro pubblico Teatres de la Generalitat Valenciana, il CRC e Purnateatre.

Matthias Martelli, formatosi con maestri come Dario Fo, Eugenio Allegri, Philip Radice, riprende la tradizione del teatro giullaresco e con il suo primo spettacolo Il Mercante di Monologhi, da lui scritto e interpretato, ha all’attivo oltre 300 repliche in teatri e piazze di tutta Italia.

Interpreta, con il benestare del maestro Fo, il celebre Mistero Buffo, con la regia di Eugenio Allegri e la co-produzione di Teatro Stabile di Torino, con cui calca i palcoscenici italiani ed europei.

Per la Fondazione TRG di Torino ha scritto e interpretato Nel Nome del Dio Web, spettacolo satirico sull’abuso delle nuove tecnologie. Nell’ottobre 2020 ha debuttato con lo spettacolo Raffaello, il figlio del vento da lui scritto e interpretato, prodotto da Teatro Stabile dell’Umbria e Doc Servizi. È stato vincitore del prestigioso Premio Nazionale di Cultura Frontino-Montefeltro.

Torna su