Premio della Critica “ANCT/HYSTRIO” 2020 – LA CORTE OSPITALE

La Corte Ospitale di Rubiera ha saputo negli anni rinnovarsi e fare del proprio nome un’azione estetica e poetica precisa e proiettata verso il nuovo. Immersa nella Padania Felix e sotto la guida di Giulia Guerra e di uno staff di battagliere ragazze, La Corte Ospitale sa essere uno spazio che incoraggia, fa crescere, cura i giovani pellegrini del teatro, li forma al viaggio, li incoraggia e crea occasioni perché lì gli artisti trovino casa, nel segno di un’ospitalità d’altri tempi. Spazio di creatività e spazio di progettualità che guardano al teatro in tutte le sue sfaccettature: La Corte Ospitale è questo, un luogo aperto che sa generare intelligenza e bellezza, nonché costruire futuro. All’apertura delle prospettive d’azione si sposa la riservatezza, la chiusura propria di una corte che non vuol dire ignorare ciò che accade fuori, ma tutelare ciò che si è deciso di far crescere e sostenere al suo interno.

Roma, 19 novembre 2021

Il presidente ANCT
Giulio Baffi

Torna su