Giulio Baffi, presidente dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro, ha annunciato su facebook dal Mercadante deserto i premi del 2020, nonostante le gravi difficoltà incontrate dal comparto teatrale durante l’anno e quindi il numero molto ridotto di spettacoli. Con la proclamazione si è voluta ribadire la rilevanza strategica della cultura italiana e del teatro, penalizzato dall’emergenza Covid-19. Tre dei quindici titoli danno lustro al teatro piemontese, in particolare quello assegnato a Leonardo Lidi, trentenne regista piacentino “innamorato dei classici che smonta e rimonta, riscrivendoli mescolando sapientemente cultura pop, gioco, follia e musica”, come recita la motivazione.

Lidi ha firmato l’ultimo struggente spettacolo prodotto dal Teatro Stabile di Torino e andato in scena all’inizio di questa infausta stagione il 20 ottobre, “La casa di Bernarda Alba” di Federico García Lorca che, dopo l’interruzione forzata delle repliche, ha dato origine al documentario “Una terrible repetición”, dello stesso Lidi e di Lucio Fiorentino. Tra gli altri premiati spiccano anche le attrici Mariangela Granelli, interprete di “Così è (se vi pare)” di Pirandello sempre del Teatro Stabile di Torino e Roberta Caronia, recente protagonista di “Giulietta” da Fellini con la regia di Valter Malosti per il Teatro Piemonte Europa. (maura sesia)